Uno dei primi obiettivi che un imprenditore dovrebbe mettere nella lista dei focus è quello di frequentare corsi specifici sul business, orientati ad argomenti diretti ed utili.

Molto spesso quando si crea una piccola startup o un’azienda famigliare il primo passo è quello di aprire la partita iva, cercarsi un commercialista e creare il proprio spazio per vendere ed acquisire nuovi clienti; il primo step da fare sarebbe quello di crearsi un business plan.

Cos è il business plan?

E’ un documento che racchiude tutte le entrate e le uscite, le attività e le passività di un’azienda e serve a pianificare la propria attività sia economica che strategica per almeno i prossimi 3 anni; in questo modo è possibile monitore ogni movimento sia positivo che negativo.

Ci sono tanti aspetti del business che vanno valutati nel dettaglio ma che spesso sono messi da parte perché “irrilevanti”: vediamo gli step fondamentali e quali corsi seguire.

Corsi business

Uno dei corsi di business che va assolutamente fatto è quello relativo alla formazione di un’azienda; quindi la forma giuridica corretta da aprire in base al settore e al capitale da investire; i soci da scegliere (qualora se ne voglia qualcuno); i finanziamenti da chiedere, a chi chiederli e soprattutto come chiederli.

Un altro aspetto fondamentale sono i numeri chiave per gli imprenditori: i numeri che rappresentano la loro vita imprenditoriale. Di quali numeri chiave parliamo? Soldi ovviamente, come investirli, dove prenderli, come leggere determinati numeri, le tasse da pagare e le scadenze  da rispettare. E’ vero ogni imprenditore ha un commercialista che dovrebbe seguirlo e pianificare questo piano commerciale ma spesso non fa tutto il lavoro che dovrebbe essere fatto; quindi sarebbe il caso di consultare anche un fiscalista.

Parliamo del patrimonio da riservare e come chiedere finanziamenti. Quando si riesce a conservare una cifra notevole ottenuta da lunghi lavori durati anche anni interi, sarebbe il caso anche di conservare quel patrimonio senza che subisca nessun tipo di danno fiscale soprattutto se non vi è il bisogno.

Quindi seguire un corso sulla protezione del patrimonio e come farlo (legalmente) va fatto senza discutere. Ci sono imprenditori che partono senza budget ma con tante idee: quelli non vanno scartati ma anzi vanno agevolati in qualche modo perché molto spesso quelle idee si possono rivelare rivoluzionarie.

Quindi come fare? Esistono i finanziamenti ma non quelli che tutti conosciamo, offerti dalle banche, ma quelli che vengono messi a disposizioni dai venture capital (persone che acquistano quote di aziende o investono cifre per una percentuale dell’azienda). I venture capital sono molto conosciuti in America ma stanno prendendo piede anche in Italia: è un grandissimo vantaggio per le startup messe in piedi da giovanissimi neo imprenditori che hanno tante idee e spesso molto innovative ed utili ma senza budget a disposizione, o un budget molto basso. In questo caso di rivolgono ai venture capital mettendo a disposizione una parte della loro azienda ma ottenendo in cambio  denaro e soprattutto conoscenza imprenditoriale da parte del socio.

Questi sono solo alcuni dei corsi di business da fare assolutamente nella vita imprenditoriale ma certo anche continuare un percorso orientato alla crescita non può far altro che portare maggiore esperienza ad ogni imprenditore.